Strumenti di cittadinanza. L’albo pretorio on line

di Fabio Pascapè

Spending rewiev, spread oltre la soglia, stipendi a rischio, servizi pubblici progressivamente ridotti… Ce lo siamo detti tante volte: viviamo un’epoca di crisi che
chiama i cittadini ad una partecipazione attiva e proattiva alla vita della comunità
civica.

L’interfaccia della funzione di ricerca dell’albo pretorio sul sito del Comune di Napoli

Continua a leggere

Annunci

Rosanna Purchia e il San Carlo: “Puntiamo ai diecimila abbonati”

articolo di Antonio Tricomi, pubblicato da Repubblica.it il 21.09.2014

La soprintendente del Massimo: “Vi racconto la mia strategia. Prezzi bassi e servizi online, ecco come si batte la crisi”

Lady San Carlo. Direttore operativo del Massimo dal 2009, poi soprintendente dal 2010, fin dall’inizio Rosanna Purchia si è identificata con un progetto: aprire il San Carlo alla città, fare in modo che i napoletani lo sentissero più vicino, meno paludato e solenne. Conquistare, in due parole, nuove fette di pubblico.

Continua a leggere

Il Decreto “Valore cultura”: opinioni a confronto

Dal 7 ottobre 2013 il decreto “Valore cultura” per il rilancio dei beni culturali è diventato legge (Legge 7 ottobre 2013, n. 112). Il provvedimento contiene misure per il rilancio di Pompei e di altri siti archeologici. Tra le tante novità contenute nel decreto ci sono i tirocini per 500 giovani che potranno digitalizzare il nostro patrimonio artistico, le norme su camion bar e ambulanti che stazionano nelle aree monumentali, il sostegno alle fondazioni liriche, gli aiuti alle produzioni cinematografiche e audiovisive, la promozione degli artisti emergenti e un’attenzione alla musica dal vivo.

Continua a leggere

«La Regione taglia i fondi allo spettacolo». A rischio teatri, cinema e concerti

Pubblicato su Il Corrieredelmezzogiorno.it del 18 luglio 2013

IL PRESIDENTE GRISPELLO: «CHIEDO UN INCONTRO URGENTE A CALDORO»

Allarme dell’Agis: chiuderanno tante sale». Miraglia: «Stanziati 3 milioni. Non si può più chiedere oltre misura»

NAPOLI – Tagli, riduzioni, sempre meno quattrini. La situazione delle sale cinematografiche, dei teatri, e del settore spettacolo in generale, in Campania si fa dura. «I drastici e inattesi tagli operati dalla Regione alla Legge 6/2007 sul sostegno all’attività degli organismi di spettacolo, che si aggiungono a quelli già operati a livello nazionale sulle risorse del Fus e del Tax credit, rendono disastrosa la situazione di moltissime aziende del settore compromettendone in maniera determinante ed irreversibile il prosieguo delle attività». Parole del presidente dell’Agis (Associazione generale Spettacolo) della Campania, Luigi Grispello. «I tagli – aggiunge Grispello – comporteranno la chiusura di numerose sale e luoghi di spettacolo e il blocco delle attività di produzione teatrale e musicale».

Continua a leggere

Napoli incontra Torino per riflettere su un nuovo modello di sviluppo fondato sulla cultura

La cultura come fattore di sviluppo socio-economico della città. Quante volte ne abbiamo sentito parlare, fino al punto che è diventato un luogo comune, stanco e vuoto, anche a causa dell’evidente contrasto con una realtà dove anche la cultura sembra coinvolta nel più generale degrado di Napoli.

Continua a leggere